venerdì 29 maggio 2015

Travel: Hollywood !!!!!

Buongiorno a tutti!!
Avete voglia di fare altri due passi per Los Angeles? Non manca molto alla fine di questo meraviglioso viaggio quindi dobbiamo goderci ogni istante appieno.

La notte l'abbiamo passata a Beverly Hills e il soggiorno in questo hotel prevede la colazione:


Noooo non me le sono mangiate tutte io!!! Dopo una pasta e mezza ho già raggiunto il mio fabbisogno di zuccheri annuale!! Delle bombe caloriche con bicchierino di caffè imbeviiiiiiiiiibile. Scusate, ma il caffè americano non mi piace proprio!

Con questa carica di energia potremmo partire per un trekking su per le colline di Hollywood, ma effettivamente con la macchina si fa molto prima.

Ed è così che in una ventina di minuti ci troviamo di fronte lei:

LA scritta!!!! HOLLYWOOOODDDD. La scritta per la quale mi sono portata dietro 3Kg di obiettivo.
E infatti non so dire quante foto scatto. Da lontano, da vicino, con inquadratura a destra, poi a sinistra.
Non ci posso credere di essere veramente qua.

Pensandoci, mi sembra assurda, quasi ridicola tutta questa agitazione. In fondo non è un monumento con 2000 anni di storia alle spalle, né l'opera di un grande artista. Non è niente di tutto questo, ma nella sua pur breve storia, nella sua discutibile bellezza, è riuscita a diventare un mito, come ce ne sono pochi al mondo.

Dopo foto, foto, (selfie) e foto.... salutiamo la scritta più famosa e torniamo a Beverly Hills.

E qui, una parola sola viene in mente: Lusso! Un lusso che, per quanto si sforzi, non riesce proprio a essere elegante. Macchine incredibili, gioielli a qualche decina di carati, abiti senza etichette del prezzo (perché se entri in un negozio così, non hai bisogno di conoscerlo).

Io sono incredula perché, ancora una volta, mi sembra di essere sul set di un film. Mi aspetto che da un momento all'altro sbuchi un regista che mi dica di spostarmi e smetterla di intralciare le riprese.



Nel pomeriggio, grazie a una sorta di trenino, raggiungiamo il Getty Museum, vera opera architettonica!


Questa enorme costruzione bianchissima che si caglia contro il cielo azzurro è qualcosa di grandioso!
In più, si trova immerso nel verde, circondato da un giardino rigoglioso.



Assolutamente da vedere, anche se non avete tempo (o voglia) per la visita al museo. Mettetevi a sedere su una delle tante panchine e rilassatevi, godendo del sole e dell'arietta leggera, in questa piccola oasi a due passi da LA.

Il pomeriggio è già inoltrato. C'è tempo per fare un po' di sano shopping in giro per Santa Monica.


Adoro questa foto anche se non è perfetta! Amo le palme!!!

L'hotel è a pochi passi dalla Walk of Fame.


E' già buio e questo, oltre a far risaltare meglio le scritte luminose e gli enormi cartelloni pubblicitari, rende il tutto più surreale. Come ho scritto già in tante altre occasioni durante questo mio racconto, ancora una volta non mi sembra di vivere una situazione reale.

La spettacolarizzazione tipica degli americana, portata all'eccesso in certi casi, mi colpisce e mi stordisce.

La giornata di oggi la facciamo terminare con una buona cenetta. Una cenetta che dimostra quanto detto qualche settimane fa e cioè che America non fa sempre rima con cibo spazzatura.
Scegliamo un ristorantino vegano.

Non male devo dire. Sapori particolari, molto speziati, ma in linea con questa cultura salutista tutta californiana.  

Bene. Ultimo giretto tra i grattacieli di LA, intrufolandoci in un paio di locali e poi a nanna. Domani ci aspetta una giornata tosta! Non voglio anticiparvi nulla, vi dico solo una cosa: fate scorta d'acqua!!!
Un bacio, Dany

Le tappe precedenti:
1) San Francisco
2) San Francisco parte 2
3) Tra San Francisco e LA
4) Tra San Francisco e LA parte 2
5) Malibù, Santa Monica, Venice Beach

Nessun commento:

Posta un commento