giovedì 23 aprile 2015

Travel: San Francisco (California)

Buongiorno a tutti!
L'estate scorsa sono andata in America per la prima volta; per la precisione in California. Ho deciso di scrivere qualche articolo per raccontare, soprattutto attraverso alcune delle centinaia di foto scattate, le città e i luoghi che ho visitato.
La mia esperienza è stata fantastica. Se non ci siete mai andati, spero di invogliarvi a partire alla scoperta dell'West; terra di spiagge e deserti, montagne e oceani.....

San Francisco: un'europea in America.
La prima tappa del mio viaggio è, a detta di tutti, la città architettonicamente meno americana degli USA e, aggiungo io, climaticamente meno californiana della California: San Francisco.

Forse non conoscete la principale caratteristica della città, ma la scoprirete appena metterete piede fuori dall'hotel:

la pendenza delle strade! Non tutte ovviamente, ma trovandosi in un territorio collinare, non è difficile imbattersi in salite e discese. Alcune strade sono talmente ripide che è impossibile percorrerle a piedi.
O meglio, i più sportivi ne approfittano per praticare un po' di "climbing urbano", io invece ho ringraziato che ci fossero loro

i cable car.
Ormai ne sono rimasti pochissimi e sono più che altro un'attrazione turistica; ma come non si può andare a Venezia senza fare un giro in gondola, non si può nemmeno andare a San Francisco e non provare l'ebbrezza di stare appesi ad un cable car. Aggrappati con una mano, mentre l'altra scatta foto all'impazzata.
                        
                                                  ..... la Cina....all'improvviso
Tra i quartieri, quello forse più caratteristico è quello di Chinatown. Basti pensare che si tratta della più vasta comunità cinese al di fuori dell'Asia.

Camminare per quelle stradine vi provocherà una strana sensazione; vi sembrerà di essere stati catapultati in un altro mondo, forse in un'altra epoca, fatta di templi nascosti, lanterne, draghi, fabbriche di biscotti della fortuna.
Si respirano altri profumi; i ritmi e i colori sono differenti.

Si accede a questo quartiere tramite una porta detta Porta del Drago;

provate a fermarvi sotto di essa e a guardare prima davanti e poi dietro a voi, davanti e dietro e improvvisamente la porta diventerà un anello di congiunzione tra due mondi: davanti la Cina, dietro l'America.

Ma l'oceano dov'è???
Allontaniamoci adesso dal centro e avviciniamoci all'acqua. Avete mai sentito parlare del Pier 39? Il più famoso molo della città. Scelto dai leoni marini come salotto a cielo aperto

è indubbiamente una fantastica attrazione turistica, fatta di negozietti di souvenir, fast food, musica, giocolieri, giostre.

Mi sembrava di essere in un parco divertimenti, ma con questo non voglio dire che non mi sia piaciuto, anzi!!
E' l'America come piace immaginarla a me: colorata, allegra, spensierata....

Si però tutto questo camminare.......
.......risveglia l'appetito!! Trovarsi al Pier 39 all'ora di pranzo è, come dire??? un'ottima coincidenza :-) 
Ovviamente qui c'è l'imbarazzo della scelta! Vi consiglio qualcosa a base di pesce, sempre molto fresco. 
Piatto tipico è il Chowder Bread Bowl   

in pratica una zuppa di pesce servita in una ciotola/pane. Molto buona. Senza dubbio vi terrà sazi per un po'.

Perché allora non approfittarne, ora che siamo pieni di energie? Lasciamo il mare e arrampichiamoci su per una collina (il Telegraph Hill) e raggiungiamo la Coit Tower, torre dedicata ai vigili del fuoco di San Francisco.   

Da qui, sia che decidiate di salire fino in cima (io non l'ho fatto..eehh eeehh..), sia che rimaniate ai piedi della torre, potrete godere di un bellissimo panorama sulla città.

Mi sto rendendo conto che questo post sta diventando lunghissimo....meglio tagliare....
Seguirà, tra qualche giorno, la seconda parte di San Francisco.
Baci,
Dany

Nessun commento:

Posta un commento